Rudy Salvagnini – Topolino
Rudy Salvagnini – Topolino

Rudy Salvagnini

sceneggiatore
Rudy Salvagnini
nome

Rudy Salvagnini

città

Padova

esordio

Zio Paperone e il supercomputer pubblicata su Topolino 1225

segni particolari

Gli piacciono i mercoledì

Nato a Padova molto tempo fa, quando ancora c’erano le mezze stagioni, ha capito subito che cosa gli piaceva: cinema, fumetti e calcio, in ordine sparso e variabile.
Crescendo ha imparato ad apprezzare anche altro, ma quelli sono rimasti. Topolino e la collana Chirikawa di Scarpa è la storia che, da bambino, gli è rimasta più impressa. Poi Vita e dollari di Paperone de’ Paperoni gli ha fatto amare Carl Barks e il Topolino d’oro ha fatto con stesso con Floyd Gottfredson. Quando Giorgio Cavazzano gli ha chiesto se voleva provare a scrivere storie per Topolino, quindi, si è sentito pronto. Da allora di storie ne ha scritte parecchie, utilizzando volentieri un po’ tutti i personaggi, senza trascurare quelli cosiddetti secondari (che hanno molte qualità, a volte nascoste).

Ha ideato e scritto la serie I mercoledì di Pippo e una grande soddisfazione gli ha dato anche scrivere la storia in onore al grande Carl Barks, Zio Paperone e l’uomo dei paperi. Ha scritto fumetti per tanti personaggi e pubblicazioni, non solo disneyane, ma la magia del creare non è mai diminuita.

Ha scritto anche un romanzo e ha coltivato la sua passione per il cinema diventando critico cinematografico. A questo riguardo ricorda sempre ciò che gli disse il caporedattore del primo quotidiano con cui ha collaborato: “Leggo sempre le tue recensioni: se parli bene di un film, non vado a vederlo. E viceversa”.
Ama Bob Dylan e l’orticoltura.
Le due cose, è stato appurato, non sono incompatibili.