Login >

L'avatar di

Rolando

Fumetti

Camerini Lorenzo

Sceneggiatori

Milanese, nasce un soleggiato martedì d'inverno, verso la fine dello scorso millennio. Maneggia gravemente i temi leggeri, e leggermente i più gravi.

 

È figlio di una popstar degli anni Ottanta e dell'unica donna vissuta vent'anni a Castelfranco Emilia senza imparare a cucinare le lasagne. Ha un fratello e una sorella. Sul finire degli anni Novanta ricevette in regalo un disegno di Silvia Ziche: tuttora ricorda quel giorno come uno dei sei o sette più belli della sua vita.

 

Prima di approdare sulle pagine di Topolino ha lavorato come quatòrzieme, restauratore di souvenir e marinaio, prestando servizio per lunghi periodi su certe imbarcazioni nei Mari del Sud. Ha diretto moltissime riviste immaginarie.

 

Lorenzo, pur reputandosi troppo giovane per comporre un'autobiografia, desidera riportare qua un elenco parziale delle sue moltissime passioni: leggere Arbasino, scalare lo Stelvio in bicicletta dal versante di Bormio, sottoporre le pietanze a lunghe cotture a fuoco lento, cambiare l'ordine dei libri sugli scaffali, mangiare un pasticcino a metà pomeriggio, suonare alla chitarra gli stessi tre accordi ma con combinazioni sempre diverse, oziare, intrattenere rapporti amichevoli con edicolanti e baristi di fiducia, le caramelle gommose.

 

Pur essendo d'indole tollerante, non va pazzo per la zucca e la scarsa generosità. Possiede un edera e vuole molto bene al suo gatto Jean Luc.

trudy21
1
3

Trudy

BUON COMPLEANNO TOPOLINO!

Che cosa si può REGALARE a un topo che ha già tutto? Lo so, è una domanda difficilissima, ma il m...